+39 02/99485328 info@ldfasteners.com

Corrosione dell’acciaio

Mag 7, 2016

L’acciaio è il materiale più diffuso nelle costruzioni, ma  è soggetto a degrado in particolare dovuto alla corrosione.

Per prevenire questo tipo di processo degenerativo, comportante conseguenze non semplici,  è necessario prevedere una adeguata protezione e manutenzione.
Il principale nemico delle costruzioni che adoperano l’acciaio nel settore della carpenteria pesante è la “ruggine”. A differenza della normale ruggine del ferro, che si sviluppa lentamente come una patina, la corrosione dell’acciaio è estremamente localizzata e avviene in posizioni apparentemente casuali, producendo minuscoli buchi che possono propagarsi attraverso uno spessore non trascurabile. Questi buchi spesso indeboliscono l’acciaio abbastanza da farlo cedere e sono la causa della maggior parte degli incidenti catastrofici.

Per tale motivo la ricerca scientifica ha diretto il suo sguardo verso un acciaio anticorrosione che è una particolare lega formata da ferro e cromo, ma anche questa particolare progressione scientifica ha i suoi limiti e talvolta è soggetta ad alterazioni specifiche.

Il perché di ciò è da ricercare nel processo lavorativo, infatti durante il raffreddamento si formano minuscole impurità ricche di zolfo,grandi pochi micron, le regioni attorno a queste particelle sono molto povere di cromo e quindi non sono per nulla in grado di resistere alla corrosione.

Probabilmente  il cromo viene assorbito dalle impurità,e pertanto non riesce ad esplicare la sua azione anticorrosiva al massimo.

La qualità dell’acciaio inossidabile anticorrosivo è comunque elevata, e nonostante siano scontate delle piccole imperfezioni,  il suo impiego riesce sempre a soddisfare ogni tipo di esigenza, offrendo il massimo della qualità e delle garanzie.